The Great Barrier Reef - Australia


Carissimi underwaterfriends ho una bella storia da raccontarvi: quella  della Grande Barriera Australiana. Arrivo nel Queensland e precisamente a Cairns nel mese di Gennaio 2013. Qui si trova il punto di partenza principale per la più grande barriera corallina al mondo. La sua estensione di 2000 Km sulla costa Nord-Est ne fa un autentico paradiso per tutti i sub, amanti dello snorkeling e sealing.
Le mie uscite da istruttore PADI sulla barriera con le compagnie Sonic Silver, Pro Dive Cairns e Down Under hanno arricchito la mia esperienza professionale e condiviso un periodo bellissimo con gli allievi e i colleghi australiani.
Con affetto il vostro Istruttore PADI Mirkao.


Port Duglas - Angincourt Reef:  il meglio della Barriera.


A 67 Km a nord di Cairns  si trova Port Duglas punto di partenza per lo spettacolare Angincourt Reef. Le immersioni sulla parte esterna della Barriera ci regalano emozioni forti. I sub amanti delle pareti oceaniche hanno lo stesso desiderio, da un lato il reef e dall' altro il grande blu, ma vedere passare gruppi di squali grigi a meno di 20 metri vi assicuro è una bella carica di adrenalina.Buona Visione !!!
note:: le foto sono state realizzate con olympus compact in scafando scuba ottenendo ottimi risultati.

Gruppo Down Under
Cuttle fish
Clown fish

Whitetip reef shark
Mirkao in Ribbon Reef
Tartaruga marina
La bellezza della barriera sta nella diversita di specie che caratterizzano il pacifico tropicale dai nudibanchi ai pesci, dalle formazioni coralline alla flora marina.
Blu
Pesce pappagallo
Pesce angelo
Stingray
Reef
Clown fish
Rabbit fish - barred
Napoleon fish
Shovel nosed ray
Mirkao Great Blue
Grey whaler shark

Mirkao whit Open Water
Superficie - dietro la compagnia Down Under 
Alcune imformazioni riguardo il famoso e più grande predatore del mare ovvero il Grande Squalo Bianco: da Cairns è possibile effettuare immersioni in gabbia nel proprio territorio di caccia, prevalantemente in oceano aperto e quindi verso zone specifiche. Personale qualificato provvede alla calata della gabbia protettiva con mandata di aria da tubazioni esterne ai secondi stadi e attirano la presenza del predatore con carne per avere un incontro ravvicinatissimo. Putroppo il costo di tali operazioni per cosi logistici è elevato, circa 500 euro a persona ma dalle esperienze raccontate è una avventura che non delude di certo le aspettative. Ecco qui un video amatoriale dimostrativo girato nel sud dell'Australia.

video




Immersioni Filippine ...una buona scelta

Scuba a El Nido
 Immersione a el Nido
El Nido
Un arcipelago di 7107 isole incastonate nel blu dell'oceano, orlate da spettacolari spiagge, dove si innalzano vulcani ancora attivi ed alte montagne dalle pendici ricoperte da foreste.
Questo arcipelago, compreso fra Taiwan a nord ed il Borneo a sud, si insinua come una striscia di terra fra il Mar Cinese Meridionale ad ovest e l'Oceano Pacifico ad est.
Ciò che colpisce subito chi visita le Filippine è, oltre alla straordinaria varietà di paesaggi, la sorprendente molteplicità di popoli e culture, che convivono pur rimanendo fedeli alle proprie tradizioni.
Ne sono testimonianza le terrazze di riso di Ifugao, realizzate con tecniche antichissime che si tramandano da secoli.
Da ricordare inoltre che le Filippine sono l'unico stato cattolico in estremo oriente, retaggio di quattro secoli di dominazione spagnola, le cui testimonianze sono ben visibili ovunque.





Le Filippine sono posizionate nel vertice del cosiddetto "Triangolo d'oro", l'area con la più alta biodiversità del pianeta. Infatti è qui possibile trovare oltre 500 tipi di coralli, 3000 specie di pesce e migliaia di invertebrati, di cui circa un terzo endemico.


I fondali filippini sono considerati uno dei paradisi della macrofotografia per la presenza di una moltitudine di soggetti molto particolari per forme, dimensione e colori. Ma non mancano aree dove si possono fare incontri emozionanti con i grandi pelagici, come ad esempio, nel Mare di Sulu, ad est di Palawan.